Aree di Specializzazione

Decreto agosto: indennità per stagionali, intermittenti e lavoratori dello spettacolo.

Una tantum di 1.000 euro per stagionali del turismo e degli stabilimenti balneari, stagionali degli altri settori, intermittenti e lavoratori dello spettacolo. Il decreto agosto ha previsto a favore di specifiche categorie di lavoratori subordinati o autonomi, un’indennità una tantum di 1.000 euro. La misura riguarda: lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020. La medesima indennità

Continua la lettura

Decreto agosto: ulteriore rateizzazione dei versamenti sospesi

Il versamento dei contributi sospesi a causa dell’emergenza epidemiologica Covid-19 potrà essere ulteriormente rateizzato. I versamenti sospesi a causa del covid-19 potranno essere effettuati, senza applicazione di sanzione e interessi, per un importo pari al 50% in un’unica soluzione entro il 16 settembre 2020 oppure mediante rateizzazione fino ad un massimo di 4 rate di pari importo con il versamento della prima rata entro il 16 settembre. Il versamento del restante 50% delle somme dovute potrà essere effettuato, senza applicazione

Continua la lettura

Decreto agosto: decontribuzione Sud

Prevista una decontribuzione del 30% degli oneri previdenziali a carico delle imprese per tre mesi. Per contrastare gli effetti sull’occupazione dell’epidemia Covid-19 nelle aree del paese caratterizzate da una grave situazione di disagio socio-economico (Sicilia, Sardegna, Calabria, Puglia, Basilicata e Campania, Abruzzo e Molise e Umbria), il decreto agosto ha previsto una decontribuzione pari al 30% dei contributi previdenziali dovuti dai datori di lavoro, con esclusione dei premi INAIL. L’agevolazione varrà per tre mesi, da 1° ottobre al 31 dicembre

Continua la lettura

Decreto agosto: proroga del divieto di licenziamento

Prorogato il divieto di licenziamento per i datori di lavoro che non hanno integralmente fruito della cig o dell’esonero dei contributi previdenziali. I datori di lavoro che non hanno integralmente fruito dei trattamenti di integrazione salariale per COVID-19 o dell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali introdotti dal decreto agosto, non potranno accedere alle procedure di licenziamento collettivo o individuale. Il blocco dei licenziamenti, dunque, proseguirà fin quasi a fine anno, vista la possibilità di usufruire, alternativamente, di ulteriori 18 settimane

Continua la lettura

Site Footer