trasfertismo, trasferta

Trasferta, se il biglietto è elettronico non è necessaria la stampa

In caso di trasferta, se la spesa è sostenuta direttamente dal datore di lavoro non è necessario la stampa su supporto cartaceo dei biglietti di viaggio elettronici.

Le spese di trasporto sostenute direttamente dal datore di lavoro in occasioni di trasferte fuori dal territorio comunale dei propri dipendenti non sono imponibili anche se alla nota riepilogativa delle spese di trasferta non è allegata la stampa su supporto cartaceo dei biglietti di trasporto elettronici.

E’ questa la risposta che l’Agenzia delle entrate fornisce ad una richiesta di interpello (n. 22/2018 ).

Nel caso di specie, la società istante fa presente che per la gestione delle trasferte dei propri dipendenti utilizza una procedura completamente centralizzata.

In particolare, il dipendente, tramite un apposita interfaccia, chiede l’autorizzazione alla trasferta.

Ottenuta l’autorizzazione, prenota i servizi di trasporto e alloggio di cui ha bisogno scegliendoli tra quelli proposti dal programma aziendale. In alternativa, può avvalersi dell’assistenza di un’agenzia di viaggi di fiducia dell’istante.

In ogni caso, il pagamento dei servizi è effettuato direttamente dal datore di lavoro.

Se il biglietto è in formato elettronico, il datore di lavoro stampa su supporto cartaceo il documento e lo allega alla nota spesa riepilogativa della trasferta.

Per semplificare la gestione ed evitare un aggravio di costi, la società istante chiede di sapere se è indispensabile la stampa cartacea affinché il lavoratore possa beneficiare del regime di non imponibilità.

L’Agenzia, nel formulare la risposta, ricorda che, in generaleogni utilità, in denaro o in natura, che il datore di lavoro eroga al lavoratore costituisce, per quest’ultimo, reddito di lavoro dipendente, salvo quanto statuito dai commi 2 e seguenti dell’art. 51 del TUIR, che prevedono la totale o parziale non imponibilità di alcune somme o valori.

Sulla base delle informazioni fornite dall’istante, l’Agenzia ritiene che non sia necessaria la stampa su supporto cartaceo. Resta inteso che i citati documenti di trasporto elettronici dovranno essere conservati in formato elettronico al fine di un eventuale riscontro in sede di controllo.

Site Footer