Fondi di solidarietà, sanzioni

Benefici normativi e contributivi solo se si rispetta il CCNL

Per la fruizione dei benefici normativi e contributivi è indispensabile il rispetto della parte economica e normativa dei contratti stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative.

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro torna sulla questione della fruizione dei benefici normativi e contributivi da parte del datore di lavoro. Lo fa, con al circolare n. 9/2019, a seguito di numerosi quesiti pervenuti dalle sedi periferiche.

L’art. 1, comma 1175 della legge n. 296/2006 subordina la fruizione dei benefici normativi e contributivi al

rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

L’utilizzo del termine “rispetto” implica l’osservanza, da parte del datore di lavoro dei contenuti, normativi e retributivi, dei contratti stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Quindi, non si potrà dar luogo alla revoca dei benefici fruiti nei confronti del datore di lavoro che riconosca ai lavoratori un trattamento normativo e retributivo identico, se non migliore, rispetto a quello previsto dal contratto stipulato dalle OO.SS. comparativamente più rappresentative.

Di contro, tale interpretazione non si presta ad una applicazione estensiva che porti a riconoscere anche ai contratti sottoscritti da OO.SS. prive del requisito della maggiore rappresentatività in termini comparativi le prerogative che il Legislatore ha inteso riservare esclusivamente ad una platea circoscritta di contratti.

Il “rispetto” dei contratti collettivi attiene non soltanto alla parte economica ma anche alla parte c.d. normativa del contratto, ossia a quelle clausole destinate a regolare i rapporti individuali e che possono, a titolo meramente esemplificativo, riguardare la durata del periodo di prova, l’orario di lavoro, la disciplina del lavoro supplementare e straordinario, festivo, notturno, i trattamenti di malattia, il preavviso ecc.


Site Footer