Decreto agosto: proroga del divieto di licenziamento

Prorogato il divieto di licenziamento per i datori di lavoro che non hanno integralmente fruito della cig o dell’esonero dei contributi previdenziali.

I datori di lavoro che non hanno integralmente fruito dei trattamenti di integrazione salariale per COVID-19 o dell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali introdotti dal decreto agosto, non potranno accedere alle procedure di licenziamento collettivo o individuale.


Il blocco dei licenziamenti, dunque, proseguirà fin quasi a fine anno, vista la possibilità di usufruire, alternativamente, di ulteriori 18 settimane di cig o dell’esonero contributivo.

Il divieto di licenziamento non opererà:

  • in caso di cessazione dell’attività o fallimento;
  • per il personale già impegnato nell’appalto e riassunto a seguito di subentro di nuovo appaltatore;
  • in tutti i casi di licenziamento per motivi disciplinari.

Site Footer