incentivo occupazione mezzogiorno, esonero contributivo, naspi, apprendistato senza limiti di età, reddito di cittadinanza, incentivo occupazione sud

Esonero contributivo per l’assunzione di giovani: ecco i chiarimenti dell’INPS

Esonero contributivo per tre anni nella misura del 50% dei contributi previdenziali a carico ditta per chi assume giovani che non hanno mai avuto rapporti di lavoro a tempo indeterminato.

Con la pubblicazione della circolare Inps  è finalmente operativo l’esonero contributivo triennale per chi assume giovani lavoratori.

La misura è stata introdotta dalla legge di bilancio 2018 ed è strutturale. Dunque, vale per tutte le assunzioni effettuate dal 1° gennaio 2018 in avanti. Per le sue caratteristiche, l’esonero non si configura come un aiuto di Stato.

Chi può beneficiarne

A beneficiare dell’esonero contributivo sono i datori di lavoro imprenditori e non imprenditori. In quest’ultima categoria rientrano gli studi professionali, ma anche le associazioni di volontariato, culturali, politiche e sindacali. Restano esclusi i datori di lavoro domestici e la PA.

I rapporti di lavoro incentivati sono esclusivamente quelli a tempo indeterminato, incluso le trasformazioni di precedenti rapporti a termine. L’inserimento del giovane può avvenire anche a tempo parziale. Semaforo rosso per i rapporti di lavoro intermittenti, anche se a tempo indeterminato e con obbligo di risposta.

Requisiti

I giovani lavoratori devono soddisfare due condizioni al momento dell’assunzione:

  1. non aver compiuto il 35° anno di età, inteso come 34 anni e 364 giorni. Dal 2019 il requisito anagrafico scenderà a 30 anni, intesi come 29 anni e 364 giorni;
  2. non aver avuto precedenti rapporti di lavoro a tempo indeterminato con qualsiasi datore di lavoro. Per agevolare i soggetti interessati, l’Inps ha messo a disposizione un’utility attraverso la quale, inserendo il codice fiscale, si ottiene un riscontro dal valore non certificativo. I periodi di apprendistato, non sono ostativi al riconoscimento dell’agevolazione, così come i rapporti di lavoro intermittente e domestici.

Anche il datore di lavoro deve soddisfare alcuni requisiti. Oltre a quelli normalmente previsti in caso di agevolazioni contributive, il datore di lavoro:

  1. non deve aver effettuato licenziamenti per giustificato motivo oggettivo (“gmo”) o licenziamenti collettivi nei sei mesi precedenti l’assunzione;
  2. nei sei mesi successivi l’assunzione non deve procedere a licenziamenti per “gmo” del medesimo lavoratore o di un altro lavoratore impiegato nella stessa unità produttiva e con la medesima qualifica. Se ciò accadesse, scatta la revoca ed il recupero del beneficio fruito.

L’esonero è pari al 50% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, esclusi i premi Inail. Il beneficio massimo è 3.000 euro all’anno. L’esonero contributivo dura tre anni. In caso di interruzione del rapporto di lavoro, un nuovo datore di lavoro può usufruire dell’esonero contributivo per i mesi residui, a prescendere dall’età del lavoratore al momento della nuova assunzione. L’esonero non è cumulabile con altri esoneri, ma lo è con gli incentivi di natura economica. A titolo di esempio:

  • l’incentivo per l’assunzione di lavoratori disabili;
  • quello per l’assunzione di beneficiari del trattamento NASpI;
  • l’incentivo occupazione Mezzogiorno ;
  • l’incentivo occupazione NEET.

Apprendisti ed alternanza scuola-lavoro

L’esonero contributivo assume una connotazione particolare per gli apprendisti e per coloro che hanno effettuato percorsi di alternanza scuola lavoro o apprendistati di I e III livello.

Apprendisti: se al termine del periodo formativo l’apprendista non ha compiuto il 30° anno, l’esonero contributivo del 50% spetta per un solo anno e inizia a decorrere al termine del periodo agevolato normalmente previsto in caso di apprendistato.

Alternanza scuola-lavoro e apprendistato di I e III livello: se un datore di lavoro assume a tempo indeterminato un giovane che, nei sei mesi precedenti, ha svolto almeno il 30% delle ore di alternanza scuola-lavoro o un contratto di apprendistato di I o III livello, l’esonero contributivo triennale è totale. Il beneficio massimo resta fissato a 3 mila euro all’anno.

3 commenti On Esonero contributivo per l’assunzione di giovani: ecco i chiarimenti dell’INPS

Non è possibile commentare.

Site Footer