garanzia giovani

Garanzia Giovani per contrastare la disoccupazione giovanile

Il programma Garanzia Giovani riconosce un incentivo ai datori di lavoro che, nel 2017, assumono a tempo determinato, indeterminato o in apprendistato giovani di età compresa tra i 16 e i 29 anni. Stanziati 200 milioni di euro.

Possono accedere all’incentivo “Garanzia Giovani” i datori di lavoro imprenditori e non imprenditori (es. studi professionali). L’assunzione deve riguardare giovani di età compresa tra i 16 e i 29 anni, iscritti al programma “Garanzia Giovani” che non lavorano e che non sono inseriti in un percorso di studio o formazione. L’agevolazione trova applicazione per le assunzioni effettuate nel 2017 su tutto il territorio nazionale, escluso la provincia autonoma di Bolzano.

L’inserimento può avvenire a tempo determinato per almeno sei mesi, a tempo indeterminato ovvero con contratto di apprendistato professionalizzante. In tutti casi l’incentivo spetta anche se l’assunzione è part-time.

Misura dell’incentivo

Il programma Garanzia Giovani garantisce un incentivo pari al 50% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro se l’assunzione è a termine. In questo caso, la misura massima dell’incentivo annuo è fissata a 4.030,00 euro. Se l’assunzione è a tempo indeterminato l’incentivo riguarda la contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro nella misura massima di 8.060,00 euro. In entrambi i casi, restano dovuti i premi INAIL e alcuni contributi specifici (es. la quota TFR destinata a tesoreria, i contributi per il finanziamento dei fondi di solidarietà, ecc.).

Per poter fruire dell’incentivo Garanzia Giovanni occorre essere in regola con il versamento dei contributi; osservare le norme in misura di sicurezza; rispettare i CCNL stipulati da OO.SS. comparativamente più rappresentative sul territorio nazionale.

Come tutte le assunzioni incentivate, anche quelle di Garanzia Giovani non devono scaturire da un obbligo di natura legale o contrattuale.

Procedura di ammissione

Per l’ammissione al beneficio, chiarisce l’INPS , occorre inviare un’istanza preliminare per verificare le risorse disponibili e l’iscrizione al programma Garanzia Giovani del lavoratore. In caso di esito positivo, l’Istituto Previdenziale invia una comunicazione al datore di lavoro e prenota l’incentivo spettante. Il datore di lavoro ha sette giorni di tempo per procedere all’assunzione e dieci giorni per confermare la prenotazione. Entrambi i termini decorrono dalla notifica INPS. Il modulo telematico per l’inoltro delle istanze sarà disponibile entro la metà di  marzo.

1 commenti On Garanzia Giovani per contrastare la disoccupazione giovanile

Non è possibile commentare.

Site Footer