Legge di bilancio 2021: principali novità in materia di lavoro

Approda in Gazzetta Ufficiale la legge di Bilancio 2021. Tante le novità in materia di lavoro: dal blocco ai licenziamenti, alla proroga della CIG COVID, passando per gli incentivi all’assunzione.

Ecco una sintesi delle principali novità in materia di lavoro previste dalla legge di bilancio 2021 (legge n. 178/2020).

Incentivo per l’assunzione di giovani under 35 nel biennio 2021/2022
Riguarda le assunzioni a tempo indeterminato di under 35 che non sono mai stati assunti a tempo indeterminato. Dura 36 mesi (48 nel sud Italia) ed è pari al 100% dei contributi INPS c/ditta (max 6.000/anno). L’esonero spetta ai datori di lavoro che non abbiano proceduto, nei 6 mesi precedenti l’assunzione, né procedano, nei 9 mesi successivi alla stessa, a licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo. L’efficacia delle disposizioni è subordinata all’autorizzazione della Commissione europea.

Incentivo per l’assunzione di donne nel biennio 2021/2022
Riguarda le donne assunte a tempo determinato o indeterminato (incluso le trasformazioni). Nel primo caso l’esonero spetta per massimo 12 mesi, nel secondo caso per 18 mesi. L’esonero è pari al 100% dei contributi INPS c/ditta (max 6.000/anno). L’assunzione deve comportare un incremento occupazionale netto. L’efficacia delle disposizioni è subordinata all’autorizzazione della Commissione europea.

Congedo obbligatorio padre
Per la nasciata/adozione di un figlio il congedo obbligatorio passa da 7 a 10 giorni.

Decontribuzione Sud
Prorogata fino al 2029, con le seguenti misure:

  • 30% fino al 31 dicembre 2025;
  • 20% per gli anni 2026 e 2027;
  • 10% per gli anni 2028 e 2029.

Per i periodi successivi al 30 giugno 2021 l’agevolazione è subordinata all’autorizzazione della Commissione europea.

Proroga CIG covid-19
Ulteriori 12 settimane di CIG da utilizzare entro marzo (per la CIGO) ovvero entro giugno (per FSBA, FIS e CIGD). Non è previsto un contributo c/azienda.

Esonero alternativo alla CIG covid-19
I datori di lavoro che non chiederanno ulteriori settimane di CIG avranno diritto ad un esonero contributivo rapportato alle ore di CIG effettuate nei mesi di maggio e giugno.

Blocco dei licenziamenti
Previsto il blocco dei licenziamenti fino al 31 marzo 2021, salvo cessazione definitiva dell’attività, fallimento o accordo collettivo aziendale.

Site Footer