colf e badanti, lavoratori domestici, cassetto previdenziale lavoro domestico, anticipazione tfr

Cassetto previdenziale lavoro domestico: nuove funzionalità

L’Inps ha esteso le funzionalità del cassetto previdenziale lavoro domestico introducendo la comunicazione bidirezionale.

Attivo dalla fine del 2017 , il cassetto previdenziale del lavoro domestico si è arricchito di una nuova funzione.

Dal 6 luglio scorso, grazie alla comunicazione bidirezionale, è possibile interloquire in maniera diretta con le sedi territoriali Inps. Tutte le comunicazione inviate sono protocollate e consultabili attraverso il cassetto previdenziale.

I quesiti che si possono inviare devono fare riferimento ad una delle seguenti categorie:

  • MAV: non pervenuti, inesattezze riscontrate, impossibilità di stampa dal portale;
  • Anagrafiche: mancato aggiornamento, variazioni;
  • Contributi: versati e non risultanti nell’estratto del lavoratore;
  • Rapporti di lavoro: sospesi in attesa di definizione;
  • Avviso Bonario/Accertamento: informazioni o modifiche;

Alla comunicazione è possibile allegare documenti in formato pdf, jpg, png o tiff per una dimensione massima di 3MB.

Il messaggio inviato e la relativa risposta sono archiviate all’interno del cassetto previdenziale e visualizzabili sia dal datore di lavoro che dall’intermediario autorizzato.

L’applicazione è fruibile sia da PC (piattaforma desktop) che da cellulare e/o tablet (piattaforma mobile).

Inoltre, con il messaggio 2479/2018 , l’Istituto previdenziale comunica di aver esteso l’accesso al cassetto previdenziale lavoro domestico anche agli intermediari abilitati.

Ricordiamo che il cassetto previdenziale lavoro domestico è accessibile attraverso il sito istituzionale Inps al seguente percorso: “Aziende, enti e datori di lavoro” > “Datori di lavoro domestico” > “Prestazioni e Servizi” .

Site Footer