colf e badanti, lavoratori domestici, cassetto previdenziale lavoro domestico, anticipazione tfr

Colf e badanti: contributi III trimestre entro il 10 ottobre

Colf e badanti: scade il 10 ottobre il termine per il versamento dei contributi relativi al III trimestre.

Per coloro che hanno alle proprie dipendenze colf e badanti si avvicina la scadenza per il versamento della III rata dei contributi 2016. Entro il 10 ottobre occorre pagare quelli relativi al trimestre luglio, agosto e settembre.

I contributi relativi ai lavoratori domestici, infatti, devono essere versati entro il decimo giorno successivo alla scadenza di ciascun trimestre solare:

  • I trimestre (gennaio, febbraio e marzo): entro il 10 aprile;
  • II trimestre (aprile, maggio e giugno): entro il 10 luglio;
  • III trimestre (luglio, agosto e settembre): entro il 10 ottobre;
  • IV trimestre (ottobre, novembre e dicembre): entro il 10 gennaio dell’anno successivo.

Se la scadenza coincide con un giorno festivo, il termine di pagamento slitta al primo giorno successivo. Nessun slittamento è previsto se la scadenza coincide con il sabato.

Per l’anno 2016, così come comunicato dall’Inps con la circolare n. 16 del 29/01/2016 , l’importo orario dei contributi non ha subito modifiche rispetto al 2015 a causa della misura negativa della variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo, per le famiglie degli operai e degli impiegati, rilevato dall’Istat tra il periodo gennaio 2014-dicembre 2014 ed il periodo gennaio 2015-dicembre 2015.

Come quantificare i contributi di colf e badanti

I contributi per colf e badanti si calcolano in base all’orario di lavoro svolto. Se l’orario di lavoro settimanale è pari o inferiore a 24 ore, il contributo orario varia in funzione della fascia di retribuzione oraria in cui si colloca il lavoratore. Diversamente, se l’orario di lavoro concordato supera le 24 ore settimanali, il contributo orario prescinde dalla retribuzione oraria del lavoratore. Per i rapporti di lavoro a tempo determinato è previsto un contributo orario maggiorato.

Lavoratori italiani e stranieri con contratto a tempo indeterminato
Rtr. oraria effettiva:Rtr. oraria convenzionale:Ctr. orario con CUAF:Ctr. orario senza CUAF:
Fino a € 7,88€ 6,97€ 1,39 (0,35)€ 1,40 (0,35)
Oltre € 7,88 e fino a € 9,59€ 7,88€ 1,57 (0,40)€ 1,58 (0,40)
Oltre € 9,59€ 9,59€ 1,91 (0,48)€ 1,93 (0,48)
Orario di lavoro superiore a 24h/sett€ 5,07€ 1,01 (0,25)€ 1,02 (0,25)

Lavoratori italiani e stranieri con contratto a tempo determinato
Rtr. oraria effettiva:Rtr. oraria convenzionale:Ctr. orario con CUAF:Ctr. orario senza CUAF:
Fino a € 7,88€ 6,97€ 1,49 (0,35)€ 1,50 (0,35)
Oltre € 7,88 e fino a € 9,59€ 7,88€ 1,68 (0,40)€ 1,69 (0,40)
Oltre € 9,59€ 9,59€ 2,05 (0,48)€ 2,06 (0,48)
Orario di lavoro superiore a 24h/sett€ 5,07€ 1,08 (0,25)€ 1,09 (0,25)

N.B.: il contributo CUAF (Cassa Unica Assegni Familiari) non è dovuto solo nel caso di rapporto fra coniugi (ammesso soltanto se il datore di lavoro coniuge è titolare di indennità di accompagnamento) e tra parenti o affini entro il terzo grado conviventi, ove riconosciuto ai sensi di legge (art. 1 del DPR 31 dicembre 1971, n. 1403). La cifra tra parentesi è la quota a carico del lavoratore.

Come pagare i contributi di colf e badanti

Il pagamento dei contributi può avvenire, alternativamente:

  • rivolgendosi ad un soggetto aderente al circuito “Reti Amiche;
  • utilizzando i bollettini MAV inviati dall’Istituto previdenziale;
  • direttamente on-line, mediante carta di credito, sul sito Inps (“Servizi Online” -> “Per tipologia di utente” -> “Cittadino” -> “Pagamento contributi lavoratori domestici”).

Coloro che scelgono di pagare tramite MAV, ma devono variare alcuni dati inerenti il rapporto di lavoro, possono chiedere l’emissione di un nuovo MAV attraverso la funzione “Pagamento contributi lavoratori domestici” accessibile seguendo il percorso www.inps.it –> Servizi online –> Portale dei pagamenti –> Lavoratori domestici –> Entra nel servizio.

Site Footer