infortunio sul lavoro, valutazione dei rischi, primo soccorso, inail, comunicazione di infortunio

Primo soccorso nei luoghi di lavoro, ecco il nuovo manuale Inail

Come comportarsi in caso di emergenza? Chi allertare e come soccorrere le persone infortunate o colte da malore? A queste e ad altre domande risponde il nuovo manuale Inail sul primo soccorso.

Per garantire la salute e sicurezza dei lavoratori, la macchina del primo soccorso deve essere efficace e attivarsi immediatamente. Il datore di lavoro, come prescrive il Testo unico (d.lgs. 81/2008), deve nominare e formare gli addetti al primo soccorso e redigere il piano di emergenza.

Il manuale  contiene le nozioni necessarie sia per organizzare il sistema di primo soccorso aziendale, sia per mettere gli addetti nelle condizioni migliori per assicurare un supporto efficace ai lavoratori in difficoltà, attraverso manovre adeguate e strumenti specifici, come il defibrillatore semiautomatico esterno (Dae) e i presidi per l’immobilizzazione del traumatizzato.

Il manuale è pensato come strumento didattico a supporto della formazione degli addetti, aggiornato secondo il quadro normativo italiano e le più recenti linee guida internazionali, e arricchito con illustrazioni dettagliate per favorire la comprensione delle principali manovre salvavita.

Dopo aver proceduto alla classificazione dell’impresa in relazione ai rischi e ai lavoratori presenti, il datore di lavoro deve nominare gli addetti al primo soccorso e redigere il piano che assegna i compiti da svolgere e i comportamenti da assumere in caso di emergenza. Se gli addetti devono essere formati ogni tre anni da personale medico specializzato, è fondamentale che tutti i lavoratori impiegati nell’azienda conoscano il piano e le procedure operative da attuare in caso di malore o infortunio, per evitare i danni legati al mancato soccorso o a interventi inadeguati.

L’ultima parte del volume si sofferma sulle principali patologie presenti in caso di infortunio – fratture, emorragie, folgorazioni, ma anche colpi di calore, sincopi, crisi asmatiche e reazioni allergiche – fornendo indicazioni pratiche per gestirle in modo corretto, sempre con l’ausilio di illustrazioni esplicative.

Fonte: INAIL 

Site Footer