Licenziamento per superamento del comporto: criteri di calcolo

Omesso versamento delle ritenute previdenziali

Quando la disciplina collettiva non specifica diversamente, il criterio di calcolo del periodo di comporto deve avvenire secondo il calendario comune. Il lavoratore in malattia ha diritto alla conservazione del posto di lavoro per un periodo di tempo definito dal CCNL. Questo periodo di tempo è noto come comporto. Se l’evento morboso si protrae oltre il periodo di comporto, il datore di lavoro è legittimato ad interrompere il rapporto di lavoro. Quando il CCNL non stabilisce un criterio specifico di

Continua la lettura

Ticket licenziamento: precisazioni per i datori di lavoro edili

naspi, assegno per il nucleo familiare, regolarità contributiva, permessi legge 104/92, ticket licenziamento, aliquote contributive, gestione separata. riscatto, anf, certificato di agibilità, riscatto laurea

Il ticket licenziamento nel settore delle costruzioni edili non è dovuto se il licenziamento è per completamento delle attività o chiusura del cantiere. Il datore di lavoro che licenzia il dipendente per causali che, indipendentemente dal requisito contributivo, darebbero diritto all’indennità di disoccupazione NASpI, deve versare un ticket licenziamento di importo pari al 41% del massimale mensile annualmente determinato. L’INPS ha implementato le procedure di monitoraggio del ticket di licenziamento (art. 2 comma 31 della legge 28 giugno 2012, n.

Continua la lettura

Illegittimo il criterio di calcolo dell’indennizzo in caso di licenziamento

gestione commercianti - indennità di disoccupazione, ritenute previdenziali, permessi legge 104/1992, certificazione, retribuzione, licenziamento, amministratore

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo il criterio di calcolo dell’indennizzo previsto in caso di licenziamento ingiustificato. Nuova spallata al Jobs Act dopo quella del decreto cd “dignità” . Secondo i giudici della Consulta il criterio di calcolo dell’indennizzo, basato esclusivamente sull’anzianità di servizio, è illegittimo. Il tribunale del lavoro di Roma ha sollevato la questione di legittimità costituzionale dell’art. 3, comma 1 del d.lgs. n. 23/2015  che stabilisce in modo rigido l’indennizzo che spetta al lavoratore licenziato ingiustamente: … due

Continua la lettura

Le novità del “decreto dignità”

naspi. esonero contributivo, decreto dignità

Giro di vite sui contratti a termine e somministrazione. Nessuna misura per incentivare il lavoro stabile o ridurre il costo del lavoro. Il testo completo del “decreto dignità” Lunedì sera il governo ha approvato il c.d. “decreto dignità“, il primo provvedimento in materia di lavoro del governo gialloverde. Un provvedimento fortemente voluto dal neo ministro del lavoro e dello sviluppo economico, Luigi Di Maio. Le principali aree di intervento sono tre: contratti a termine, l’indennizzo in caso di licenziamento illegittimo

Continua la lettura

Site Footer