Lavoro e previdenza: ecco le principali novità 2019

registro infortuni, legge di bilancio

Dal congedo obbligatorio per i papà, alla possibilità per le future mamme di lavorare fino al parto, passando per la riduzione delle tariffe INAIL e per la conferma del bonus occupazione Mezzogiorno. La legge di bilancio 2019 introduce alcune novità in materia di lavoro e previdenza. Ecco una sintesi di quelle principali: Congedo obbligatorio padre Dal 1° gennaio 2019 il congedo obbligatorio per il padre lavoratore dipendente sale a cinque giorni da fruire entro i 5 mesi dalla nascita del

Continua la lettura

I requisiti per andare in pensione nel 2018

cumulo, pensione

Nel 2018 il requisito di età per accedere alla pensione di vecchiaia sarà uguale per tutti, uomini e donne. Nel 2018, per accedere alla pensione di vecchiaia, servirà raggiungere 66 anni e 7 mesi di età. Per effetto della riforma Monti-Fornero, da quest’anno, il requisito anagrafico sarà unico sia per gli uomini che per le donne. Il criterio unico riguarderà tutte le categorie di lavoratori: dipendenti pubblici e privati, autonomi (commercianti, artigiani, coltivatori diretti) e per i lavoratori iscritti alla

Continua la lettura

Coefficiente di rivalutazione del montante contributivo per le pensioni con decorrenza 2017

APE volontaria, contratto di prestazione occasionale, naspi, coefficiente di rivalutazione del montante contributivo, lavoro domestico

Liquidazione delle pensioni con decorrenza nell’anno 2017. Fissato il coefficiente di rivalutazione del montante contributivo maturato al 31 dicembre 2015. Per le pensioni con decorrenza 2017, il coefficiente di rivalutazione del montante contributivo da applicare al 2015 è 1,004684. A renderlo noto è l’INPS con il messaggio 3961 del 13 ottobre 2017 . Il coefficiente di rivalutazione è utile per quantificare le pensioni o le quote di pensione da calcolare con il sistema contributivo. Sintetizzando: coloro i quali possono vantare almeno

Continua la lettura

Pensione in regime di cumulo per i professionisti

cumulo, pensione

L’INPS ha fornito le istruzioni operative per consentire il cumulo dei periodi assicurativi non coincidenti versati alle case di previdenza dei professionisti. Anche se con qualche mese di ritardo, l’Istituto previdenziale ha fornito le attese istruzioni per permettere anche ai professionisti di accedere ai trattamenti pensionistici in regime di cumulo. La circolare n. 140 del 12 ottobre 2017 è stata pubblicata dopo un lungo confronto che ha coinvolto il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, le Casse professionali e l’Istituto

Continua la lettura

Site Footer