NASpI in caso di trasferimento del lavoratore ad altra sede

licenziamento disciplinare, licenziamento per giustificato motivo oggettivo, dis-coll, licenziamento, naspi

In caso di trasferimento ad altra sede il lavoratore può accedere alla NASpI sia con la risoluzione consensuale che con le dimissioni per giusta causa. A chiarirlo è l’Inps con il messaggio n. 369/18 . L’Istituto previdenziale si sofferma su due casi concreti di richiesta della NASpI: risoluzione consensuale a seguito del rifiuto del lavoratore al trasferimento presso altra sede della stessa azienda distante oltre 50 km dalla propria residenza e/o mediamente raggiungibile in oltre 80 minuti con i mezzi

Continua la lettura

Dimissioni volontarie e risoluzione consensuale anche tramite app

dimissioni volontarie

Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali ha messo a disposizione un’app per comunicare le dimissioni volontarie e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro. Il nuovo strumento, per comunicare in sicurezza e rapidità da tablet e smartphone le dimissioni volontarie e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, si inserisce nel costante percorso di miglioramento delle relazioni con il cittadino, e di ampliamento dei servizi online, messo in atto dal Dicastero. Come noto, a seguito delle riforme introdotte

Continua la lettura

Dimissioni online, ecco il videotutorial

dimissioni

Il Ministero del lavoro ha avviato una campagna di comunicazione TV e radio  per ricordare ai lavoratori, ai datori di lavoro e agli operatori di mercato che dal 12 marzo 2016 le dimissioni e la risoluzione consensuale potranno avvenire esclusivamente in modalità telematica, pena la loro inefficacia. Un video pubblicato sulla pagina YouTube di ClicLavoro mostra la versione dimostrativa della nuova procedura, guidando il lavoratore passo dopo passo.     La nuova disciplina, lo ricordiamo, non trova applicazione: ai lavoratori domestici;

Continua la lettura

Dimissioni online, una corsa ad ostacoli

dimissioni online

Mancano pochi giorni al debutto delle dimissioni online, ma tante sono le incongruenze che alimentano i dubbi e le perplessità dei Consulenti del Lavoro. A partire dal 12 marzo, al lavoratore che volesse dimettersi non sarà sufficiente darne comunicazione al datore di lavoro, ma dovrà seguire una rigida procedura telematica, pena l’inefficacia delle dimissioni stesse. Con l’intento di contrastare il fenomeno delle dimissioni in bianco, i tecnici del governo hanno messo a punto un percorso che rischia di confondere e

Continua la lettura

Site Footer